foglie sullo sfondo dietro a ragazza in tondino

Come migliorare la tua comunicazione online

Lavori nella libera professione da qualche anno, hai fatto tantissimi corsi di formazione e hai sempre fatto tutto da te: la fatturazione, il sito, i testi per il sito e i social…

Da qualche tempo, però, non riesci più a essere costante nella tua comunicazione perché tutto il tuo tempo è assorbito dal lavoro per la clientela e anche perché ti sembra di non avere più nulla da dire. A volte insisti e trovi un po’ di tempo per scrivere un post social ma quando lo rileggi non ti risuona.

Vuoi capire come fare emergere la tua personalità, come creare una comunicazione efficace e anche personale che ti aiuti a distinguerti e a parlare direttamente alla tua clientela ideale.

Vediamo come puoi migliorare la tua comunicazione sul sito, riprendere a scrivere sul blog e sui social e, magari, creare una tua newsletter come hanno già fatto altri/e competitor.

Come rendere la tua comunicazione più personale e riconoscibile: il tuo tono di voce e le tue parole

Prima di ricominciare a scrivere per promuoverti, fermati un attimo, rileggi i testi che hai già – sul sito e sui social – e chiediti se, per iscritto, emerge la tua personalità ovvero se usi davvero le parole che usi più spesso anche a voce e il tuo tono di voce.

Forse non ci hai mai pensato prima, eppure anche per iscritto puoi comunicare come faresti a voce.

Ogni persona ha un suo vocabolario personale, fatto di termini che si ripetono ogni giorno, e costruisce le frasi con certe pause – che corrispondono per iscritto a virgole o punti -, parla per frasi brevi o lunghe, usa di più le forme attive o le passive.

E quando uno/a cliente ti legge per la prima volta si fa un’idea di te, del modo in cui ti esprimi, che dovrebbe ritrovare in seguito, durante la call conoscitiva. Così si accorciano le distanze e a quella persona sembrerà già di conoscerti.

Definire il tuo vocabolario personale e il tuo tono di voce è il primo passo per una comunicazione che fa emergere la tua personalità su ogni canale e in ogni testo, lungo o corto che sia.

Al tuo vocabolario, col tempo, potrai affiancare quello della tua clientela, le parole che usano di più le persone che si rivolgono a te. Perché ognuno di noi guarda al mondo da una prospettiva diversa: quello che per te è il target per altre persone è semplicemente il/la cliente, per esempio.

Parlare un linguaggio comune, oltre che chiaro e accessibile, è un altro modo per avvicinarti alla tua clientela.

Vuoi autovalutare
la tua comunicazione?

Approfondisci il modo in cui comunichi con un percorso gratuito di 5 email per capire se:

  • stai parlando alle persone giuste
  • emergono i tuoi valori
  • il tuo messaggio è chiaro.

La pagina ‘chi sono’ e le tue bio sparse per il web: come renderle attuali e personali

Quando è stata l’ultima volta che hai rivisto la pagina ‘chi sono’ del tuo sito? Magari hai pensato di farlo, o l’hai fatto davvero, ma probabilmente il risultato non è stato quello che speravi. Senti che manca ancora qualcosa, che quella pagina non ti valorizza come vorresti o come quella di altri/e competitor.

Anche le tue bio social – su Instagram, Linkedin, la pagina Facebook su cui non pubblichi più da tempo – sono datate e non ti rispecchiano più. Forse è arrivato il momento di guardare a chi sei da una nuova prospettiva.

Magari quello che ti serve non è chi scrive quella pagina – che è davvero personale, lo sappiamo – al posto tuo ma uno sguardo esterno che ti suggerisce:

  • come raccontare il tuo percorso fino alla libera professione in modo da far emergere un filo rosso che collega gli eventi passati con quello che fai ora
  • quali modifiche fare per parlare davvero alla tua clientela ideale
  • quali eventi o informazioni tralasciare.

Ripartire da te, avere chiara la tua storia, ti aiuta a:

  • valorizzare quelli che a te sembrano punti debolezza
  • far emergere eventi anche molto personali senza dare l’effetto di aver scritto il tuo diario
  • come raccontare i tuoi valori di persona, prima che come professionista.

Le sales pages: come renderle strumenti di vendita che lavorano per te

Anche le tue sales page, probabilmente le hai scritte molto tempo fa perché, in fondo, la clientela arriva dal passaparola e pensi che siano davvero poche le persone che guardano il tuo sito prima di contattarti. 

Hai pensato che se le aggiorni e ottimizzi dal punto di vista SEO, quelle pagine potrebbero aiutarti a farti trovare dalle persone giuste? Ci vorrà tempo, è vero. Alcune pagine si indicizzano dopo un solo mese, altre dopo 6 mesi, e altre ancora ci impiegano anche 12 mesi. Anche questo è un altro buon motivo per iniziare a lavorarci.

Tre punti a cui fare più attenzione:

  • metterti nei panni della clientela e tratteggiare in modo preciso qual è il problema che vuole risolvere
  • spiegare in modo concreto perché affidarsi proprio a te. La parte più difficile è vedere i propri punti di forza, quelli che ti distinguono dai/dalle competitor
  • fare arrivare le persone al click della CTA – call to action -, ovvero a contattarti, iscriversi alla newsletter o acquistare un tuo servizio/prodotto.

Scrivere una sales page richiede impegno, riscriverla ne richiede spesso il doppio perché abbiamo la tendenza ad affezionarci a ciò che è nostro, quello diciamo e quello che scriviamo e, invece, dobbiamo metterci nelle scarpe della clientela e guardarci da fuori.

Articoli per il blog: ricomincia a scriverli e usali per ottenere post social

I social fanno gola: se hai un’idea e la foto giusta, o la grafica adatta, puoi scrivere un post in poco tempo ma anche se il post diventa virale, sai che quel successo potrebbe non dare i risultati che speri. Non è detto che le persone commentino o mettano like, né tantomeno che decidano di contattarti.

Questo non significa che devi smettere di scrivere per i social ma che c’è un’alternativa che ti aiuta a rendere visibile e trovabile ciò che scrivi per più tempo e che ti permette anche di essere più ecologica nella ricerca di idee di argomenti su cui scrivere.

Se ricominci a scrivere per il blog con un piano editoriale che ti supporta ottieni articoli, che man mano si indicizzano su Google – diventano sempre più visibili – e puoi tirare fuori anche 3-4 post social da ogni articolo. Pensa a quanto sarebbe più sostenibile la tua comunicazione. Impiegheresti 3- 4 ore per la scrittura dell’articolo ma potresti subito riutilizzare quel contenuto per i tuoi social, semplicemente adattandolo alle regole del singolo canale.

E iniziare scrivendo un articolo anziché un post social ti aiuta a mantenere il focus su un unico argomento per volta e a mostrarne più sfumature possibili.

Facciamo due conti.
Mettiamo che di solito, ogni mese, pubblichi due post social e zero articoli?

Se scrivessi 2 articoli al mese nel tempo di 8 ore circa otterresti due contenuti nuovi per il sito web – che nel tempo si indicizzano lato SEO e diventano più visibili – e circa 8 post social, ovvero potresti coprire un mese circa di post social.

Se stai pensando di lavorare meno ma meglio, questo potrebbe essere il primo passo per una comunicazione con personalità che sia anche sostenibile.

Newsletter: coltiva il rapporto con la tua clientela in uno spazio più intimo

Non sto mica a dirti che creare una tua newsletter, o ricominciare a scriverci, potrebbe aiutarti con la tua promozione, la fidelizzazione della clientela e a coltivare il rapporto con chi ti trova sul web.

Perché sono sicura che i vantaggi li conosci benissimo, forse, però, non sai proprio di cosa parlare nella tua newsletter e visto che hai già tanti canali aperti da gestire ti sembra solo un altro canale a cui dedicare parte del tempo che vorresti dedicare al tuo business, tempo che è sempre poco.

O magari non sai cosa dire di diverso, o in quale modo diverso comunicare tramite questo strumento di marketing e comunicazione. Eppure vedi che tanti/e competitor ne hanno una e ti è rimasta la curiosità di capire se potrebbe fare al caso tuo.

In fondo sai che solo creare la newsletter ti potrà dire se il tempo e l’impegno spesi sono valsi la pena: saranno il tasso di apertura, il numero di click, e la crescita della mailing list nel tempo a darti la risposta.

Forse per scrivere la tua prima newsletter hai semplicemente bisogno di un supporto e nelle successive sarà come andare in bicicletta, più semplice della prima volta, più naturale e più veloce: ci prenderai il ritmo e magari ti arriverà anche qualche soddisfazione (contatti o richieste per i tuoi servizi/prodotti).

Comunicare con personalità, in modo più sostenibile e leggero

Promuoversi è sempre più noioso che lavorare, ma è necessario. 

Puoi, però, scegliere come promuoverti, puoi comunicare in modo più sostenibile, rendere i tuoi contenuti più personali e capire come lavorarci meno – in modo più organizzato – e ottenere comunque risultati in termini di visibilità e possibili contatti.

Probabilmente sono cose che hai sempre fatto da te ma, se vuoi alleggerire queste attività, posso aiutarti con le mie competenze di copywriter:

  • lavoriamo insieme sul tono di voce e sulla costruzione del tuo vocabolario personale e di quello della tua clientela
  • ti aiuto a creare la tua strategia di copywriting
  • ti guido nella creazione dei tuoi contenuti perché siano personali ed efficaci.

E se non sai ancora se il mio supporto possa esserti davvero utile puoi iniziare con l’autovalutazione della tua comunicazione. Ti basta compilare il form qui sotto.

Vuoi autovalutare
la tua comunicazione?

Approfondisci il modo in cui comunichi con un percorso gratuito di 5 email per capire se:

  • stai parlando alle persone giuste
  • emergono i tuoi valori
  • il tuo messaggio è chiaro.

Autrice: Sarah Saccullo

Sono consulente di copywriting. Affianco imprenditrici(ori) e freelance per creare testi con la loro voce, migliorare la comunicazione e renderla più sostenibile nei modi e nei tempi.

Vivo nel bolognese e lavoro con persone di tutta Italia.